In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Distrazione interspinosa percutanea

La distrazione interspinosa percutanea è indicata nella “claudicatio spinalis intermittens ” da stenosi ossea foraminale, soprattutto nelle persone anziane.

Si tratta di pazienti con dolori irradiati ai glutei ed agli arti inferiori, scatenati soprattutto dalla posizione eretta o dalla deambulazione prolungata e, a differenza della sindrome sciatalgica, non evocabili con le manovre semeiologiche di stiramento radicolare o di aumento della pressione liquorale.

I sintomi, che limitano notevolmente la qualità di vita, si attenuano se il malato si ferma, si siede o si flette in avanti con il tronco: è classico, in queste persone, il benessere nello spostarsi in bicicletta per la posizione che la schiena assume con questo mezzo di trasporto.

I disturbi derivano dalla sofferenza ischemica relativa nelle componenti motorie delle radici spinali, provocata dalla stenosi ossea del forame radicolare che è ulteriormente aggravata dalla statica vertebrale.

La flessione del tronco invece, aumentando lo spazio interfaccettario ed interpeduncolare, consente un allargamento relativo funzionale del forame, con conseguente miglioramento sintomatico.

Basandosi su questi presupposti biomeccanici, per trattare la patologia sopra descritta, recentemente viene usato un apposito spaziatore interspinoso, sopratutto in pazienti con sintomatologia non ingravescente tale da necessitare il classico intervento di laminectomia decompressiva.

Si tratta di un dispositivo che viene applicato in Day Surgery, per via percutanea con anestesia loco-regionale e sotto controllo radiologico, nello spazio tra le apofisi spinose vertebrali che vengono così allontanate tra loro: si crea allora un effetto flessorio tra le vertebre omologhe con conseguente allargamento funzionale del diametro foraminale intervertebrale, che induce un positivo miglioramento clinico sintomatico.

aumento del diametro nel forame intervertebrale da allontanamento delle apofisi spinose

controllo radioscopico della posizione di uno distanziatore interspinoso tra L4/L5

Inserito il:10/07/2015 16:40:12
Ultimo Aggiornamento:13/07/2015 09:57:00