In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione piĆ¹ piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]

Anteo Tomasso, specialista nella cura della lombosciatalgia

Il Dott. Anteo Tomasso, specialista nella cura della lombosciatalgia, Medico Chirurgo Ortopedico Incaricato di Alta Specializzazione nella Patologia del Rachide, opera Verona dove sin dal 1982 con il dott. Nivio Jucopilla, sotto la guida del loro primario, il prof. Mario Gandolfi, hanno introdotto per primi in Italia, presso la Divisione Ortopedica dell’Ospedale Civile Maggiore di Verona, l’uso del microscopio chirurgico e dei trattamenti percutanei mini-invasivi nella cura dell’ernia del disco lombare.

Il Dott. Anteo Tomasso con i suoi collaboratori hanno poi presentato la loro esperienza con queste procedure agli Ortopedici Ospedalieri Italiani, convenuti a Verona nel 1987 per il Congresso Nazionale sulla cura della lombosciatalgia: da allora questi trattamenti specifici sono diventati comune patrimonio terapeutico dell’ernia discale lombare nelle strutture sanitarie italiane.

In seguito il dott. Anteo Tomasso, con l’incarico di Alta Specializzazione nella Patologia del Rachide, per meglio studiare e curare i pazienti affetti da lombosciatalgia,  ha organizzato e diretto nello stesso ospedale, uno specifico ambulatorio ortopedico, finalizzato al trattamento più mirato e personalizzato possibile della sindrome lombosciatalgica.

Cos'è la lombosciatalgia?

La lombosciatalgia o “mal di schiena” è una malattia molto frequente che affligge il genere umano sin dalla sua evoluzione da animale quadrupede ad individuo bipede.

Il più antico esempio di trattamento della lombalgia è stato riscontrato sulla mummia di Similaun, risalente a 5300 anni fa.

Su questo corpo è stata trovata un serie di piccole cicatrici, parallele tra loro, in sede paravertebrale lombare e lungo l’arto inferiore.

Le analisi eseguite ne hanno dimostrato il significato terapeutico: si tratta di incisioni cutanee, zaffate con erbe medicamentose e poi cauterizzate a scopo antalgico con effetto reflesso-terapico, secondo un concetto tuttora valido per curare la lombosciatalgia.

Fortunatamente da allora la scienza medica ha sviluppato metodiche sempre più specifiche nella diagnosi e cura della lombalgia e sciatalgia per consentire trattamenti il più possibile mirati e  personalizzati.

Attualmente il trattamento della lombosciatalgia è effettuato attraverso interventi percutanei dell’ernia discale che hanno permesso di ridurre al minimo l’aggressività terapeutica di questa patologia, trattata per anni con atti chirurgici spesso troppo aggressivi rispetto al quadro clinico da curare.

Il Dott. Anteo Tomasso, specialista nella cura della lombosciatalgia utilizza con particolare successo terapie con l’Ozono e le onde elettromagnetiche ad alta radiofrequenza, che possono migliorare la sintomatologia dolorosa con una semplice puntura mirata sotto scopia, al disco degenerato.

Si può così ottenere la riduzione volumetrica dell’ernia discale attraverso la disidratazione oppure attraverso la disintegrazione molecolare del tessuto nucleare discale erniato.

Inserito il:10/07/2015 10:50:05
Ultimo Aggiornamento:10/07/2015 17:03:21